Via Rontana 64

vedi su Google Maps

Orario invernale
(dal 1° novembre al 31 marzo)
Festivi e prefestivi dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30

Orario primaverile
(dal 1° aprile al 31 maggio)
Festivi e prefestivi dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.00


Feste Medioevali “Brisighella Medioevale 1413”

Sabato 1 giugno dalle 10.00 alle 24.00
Domenica 2 giugno dalle 10.00 alle 22.00

La Rocca e la Torre saranno visitabili solo acquistando il biglietto delle Feste Medioevali (7 euro intero, gratuito fino ai 14 anni. Ridotto residenti Comune di Brisighella 1 euro), insieme al quale verrà consegnato anche un biglietto omaggio per visitare il Museo Ugonia.
Chi si recherà prima in visita al Museo Ugonia avrà diritto al biglietto gratuito, mentre per l’accesso alla Rocca e alla Torre dovrà comunque acquistare il biglietto delle Feste Medioevali.

Altre aperture straordinarie
Venerdì 14, 21 e 28 giugno dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00.
Sabato 22 giugno in occasione di “Brisighella Romantica” apertura prolungata fino alle ore 21.00.


Orario estivo
(dall’8 giugno al 30 settembre)
Festivi e prefestivi dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00
Luglio e Agosto aperta anche dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00

La Storia

La Rocca di Brisighella, posta a difesa del paese e della vallata sopra uno dei tre colli che sovrastano il borgo, fu edificata nel 1310 da Francesco Manfredi Signore di Faenza sui resti di un precedente castello distrutto da una fazione ghibellina. I Manfredi governarono su Brisighella per l’intero corso dei secoli XIV e XV a eccezione di un periodo di otto anni (1368-76) in cui, conquistata dal Cardinale Albornoz, passò sotto lo Stato della Chiesa. Nel 1394 Galeazzo Manfredi ammodernò le strutture difensive, rinforzate in seguito da Astorgio II fra il 1457 e il 1466. Nel 1494 subì l’assedio del Duca d’Urbino, che dovette desistere per la strenua resistenza condotta dal brisighellese Dionisio di Naldo.
Nel 1500 fu conquistata da Cesare Borgia (il Valentino) e alla caduta di questi, nel 1503, passò in mano ai veneziani. All’epoca la Rocca possedeva solo la torre minore che, sotto il dominio della Serenissima, venne ulteriormente ampliata e dotata dell’imponente torrione circolare.
Nel 1509 fu riconquistata dalle truppe papaline. Nel 1560 Papa Pio IV concesse ad Alfonso II d’Este, Duca di Ferrara, il governo della vallata che, a causa dell’insorgenza di contrasti, durò soli cinque anni.
A parte la breve parentesi Napoleonica, la Rocca restò sotto il controllo della Chiesa fino al 1860, anno dell’annessione al Regno d’Italia.

La Rocca

Si entra nell’area della Rocca attraverso la scala della porta delle Gabelle. Il camminamento ai piedi delle alte mura raggiunge la vecchia corte esterna. Tramite l’ingresso principale si accede sia alla corte d’arme interna che alla più piccola e più antica torre manfrediana.

L’ingresso della torre manfrediana costituisce l’inizio del camminamento interno del castello. Una stretta scala a chiocciola collega una serie di tre ambienti abitabili sovrapposti sull’asse verticale della torre. Il quarto e ultimo livello della torre è caratterizzato da un ampio ambiente circolare con pilone portante centrale e tetto in legno e laterizio. La torre è collegata al maschio veneziano da uno dei due ponti levatoi che permettevano l’arroccamento in caso di assedio. La torre veneziana, munita di cisterna nella sua parte interrata, è anch’essa dotata di una scala a chiocciola che collega tre ambienti sovrapposti anticamente abitati dal castellano. Il quarto livello, più alto, è caratterizzato dalla galleria che corre sull’intera circonferenza da cui si gode uno splendido panorama sulla vallata. Il tetto, realizzato su due livelli, copre un vano cieco con cupola ogivale (probabilmente utilizzato come polveriera). La copertura in legno della galleria perimetrale fu realizzata verso la fine del XVI sec.

Tutte le parti del fortilizio sono collegate tra loro dal camminamento di ronda in sommità ai bastioni, che permette di raggiungere tutte le estremità della fortificazione in quota, nonché il collegamento tra le torri. Dal cortile d’arme interno si accede alla galleria sottostante al bastione Ovest (bombardiera), da cui si raggiunge la caponiera, posta al di sotto del ponte delle Gabelle, che permetteva il tiro radente laterale sugli assedianti.

Galleria